La Censura Ti Fa Bene

Ci sono state diverse polemiche recentemente per via delle leggi anti-terrorismo proposte da Pisano ed in via di approvazione, molti si sono lamentati del ritorno della censura in italia, della privacy e dei diritti civili possibilmente lesi. Francamente, queste sono le parole di persone che non conoscono la vera censura.
Crediamo che la censura sia così screditata perchè di solito è realizzata da dilettanti. Ed è qui che arriviamo noi, lasciate in mano nostra tutti gli organi di repressione (polizia, esercito, servizi segreti) e guardate come cazzo si deve fare: Censura Hatingline Style.

Allora prima che voi comunisti cominciate a romperci le palle, dovete sapere che noi intellettuali abbiamo deciso tempo fa che la censura è sempre esistita, anche nelle vostre "società libere". Leggetevi i vostri Nietzsche e Baudrillard, gli esperti hanno gia deciso, la censura è una costante nella storia umana e negarne l’esistenza anche ora rivela solo la vostra ingenuità.

Noi intellettuali abbiamo quindi concluso che la mente umana non può funzionare senza che la realtà venga offuscata in qualche modo. Poichè la realtà è così orribile che siamo costretti a fuggire da essa. Vi mostreremo quindi che la Censura di Hatingline, crudele e depressiva, vi garantirà più divertimento nelle vostre vite! Anche perchè, a differenza dei regimi attuali, non ci vergognamo a vendicarci pubblicamente.

In questo momento, ci sono due tipi di censure, ma l’uomo della strada percepisce solo quella più innocua, quella ipocrita che fa coprire da anonimi asterischi le lettere "tronz" alla parola stronzo, oppure quella che impedisce la ripetizione di qualche insulsa e obsoleta ideologia politica in pubblico.

L’altro tipo di censura è più difficile da individuare e molto più crudele. É questione di quali storie vengono raccontate oppure no. Esempio: quante cose sono successe ieri? E quante di queste sono state discusse al tg della sera? Probabilmente non la storia della tua giornata, del tuo lavoro, della tua routine. É meglio che non ti sia ricordato nulla, meglio "Bella Vita Lucignolo". La tua storia è troppo deprimente, per arrivare al Tg5 ciò che ti è capitato deve essere una bugia che doni speranza in modo da rendere la vita del coglione medio vivibile. Se la tua bici viene travolta ad un semaforo costringendoti a passare il resto della tua vita da teraplegico, non credere che Sposini ne parlerà. É una storia importante per te, e da raccontare ad amici e conoscenti. Ma è troppo VERA. Non è una eccezione.

Ma se improvvisamente ritrovi la capacità di camminare dopo anni da paralizzato, ecco quella è una notizia. Le telecamere filmeranno ogni tuo movimento, non solo è inusuale ma è una bugia consolatoria. Non ci credi? Prova a richiamare questi stessi giornalisti qualche mese più tardi, quanto tornerai ad essere paralizzato, guarda quanti ne daranno notizia.

In TV si vedono solo immigrati che hanno fatto fortuna, invece tutti gli altri che hanno iniziato raccogliendo pomodori e lavando piatti, e che continuano a fare questi lavori non sono notizie. I censori non vogliono le vere storie, preferiscono Cenerentola ripetuta all’infinito, la bugia che ti distrae.
Basta osservare le notizie che vengono pubblicate nei giornali che distribuiscono gratuitamente in metropolitana o nei tabloid che si accumulano nelle sale d’attesa dei dottori e capire che sono tutte stronzate: l’analfabeta che diventa ricco, il malato terminale di cancro che guarisce, il muratore che vince alla lotteria. Dietro tutto questo i semplici fatti vengono mascherati,  i poveri rimarranno poveri,  milioni di malati di cancro moriranno secondo le previsioni del loro medico curante e il muratore passerà 45 anni della sua vita a infilare mattoni e poi morirà lasciando il suo posto in cantiere al figlio.

Invece quanto sarebbe bella la vita se Hatingline controllasse la censura per un certo periodo. Noi vogliamo la verità, yo! E non per qualche idealismo retorico stile "la verità ti renderà libero" del cazzo, ma perchè la verità è come la kriptonite. La verità è morte. La verità non solo ti colpisce, ma ti uccide. Uccide noi, uccide te e anche i nostri nemici, ma questo è un sacrificio che siamo disposti a compiere.

Uno dei mezzi più potenti in mano ai censori è l’industria dell’entertaiment, grazie ad essa riescono infatti a rassicurare velocemente milioni di persone che la loro esistenza è OK e invidiabile! Prendiamo per esempio uno dei casi più estremi di censura, Bridget Jones.

In Bridget Jones, Il Capitale di Karl Marx per le donne over25 "indipendenti" ed "emancipate" che si lamentano sui loro anonimi blog che nessun uomo le desidera e comprende, una donna poco attraente, goffa, insipiente e priva di alcuna utilità riesce "attraverso mille peripezie ed avventure" (duro il lavoro del copywriter) ad avere successo blabla e a scoparsi Hugh Grant.
Nel film Hugh Grant rappresenta il classico maschio che riempie le fantasie di ogni donna: sensibile, disponibile, privo di alcun desiderio per se stesso e pronto a soddisfare tutte le richieste che gli vengono proposte.

Per fortuna, nella stragrande maggioranza dei casi una donna incontrerà nella sua vita solo il tipo individualista approfittatore interessato solo al proprio piacere, che vuole solo scoparsela e sparire prima che si svegli.

É lo ying e lo yang. Il sole e la luna. Cip & Ciop.

Nella vita reale Bridget Jones farebbe tappezzeria in qualsiasi discoteca, e l’unica interazione sessuale che avrebbe sarebbe fellare qualche spacciatore di exctasy arrapato di 16 anni che prova pena per lei.

Perchè le donne sono fissate con Bridget Jones? Se c’è qualcosa di peggio di Bridget Jones è una donna che dopo qualche cazzata che ha combinato dice "ooh, sono proprio come Bridget hihi" No troia non sei Bridget Jones, sei solo stupida. E GRASSA.

Poi ci sono telefilm come "Camera Cafè", "Un Medico in Famiglia", "Carabinieri", "Ris" che sono sempre stati utilizzati per convincere l’impiegato medio che il lavoro d’ufficio è figo, intellettualmente stimolante e pieno di interessanti, caratteriste ed etnicamente diverse personalità che collaborano all’unisono per un obbiettivo comune. Queste ovviamente sono stronzate talmente grandi che si fa fatica a provare pena per l’idiota che ci crede. Ma Hatingline penserà pure a questo: attiveremo i nostri reparti di "Censura Preventiva" che scoveranno chi guarda queste cagate e rilasceranno quindi un gas speciale che ucciderà tutti gli spettatori a casa loro. Problema risolto!

Tutti i telegiornali verranno cancellati, TUTTI. Non perchè sono "faziosi", non ce ne frega un cazzo. I primi a cadere saranno quelli che parlano di animali che vengono abbandonati, ma salvati da qualche bambino. Seguiti subito dopo da coloro i quali annunciano risvegli da coma sopra i 15 anni. Al posto di questi  Hatingline installerà delle telecamere nei cubicoli cumunali e trasmetterà per 24 ore al giorno la routine della piatta esistenza umana. Un impiegato che raccoglie le cartacce sotto la sua scrivania begie di compensato, un programmatore con lo sguardo fisso al suo schermo retroillumato da 15 pollici, un pubblicitario al suo quotidiano brainstorming che cerca di sembrare importante.

E al posto di Studio Aperto, collegamenti quotidiani dalla stanza ospedaliera di un teraplegico che è rimasto teraplegico.

Finito con i Media di massa passeremo al controllo delle conversazioni private, un efficente dispositivo rilascerà una scossa elettrica ogni volta che verrà rilevata una bugia. Raggiunta la prestabilita soglia limite al soggetto verrà somministrato il veleno di uno scorpione, a questo punto gli toccherà una lenta e dolorosa morte. Ora qualcuno si starà domandando: "Ma chi decide quando si dice una bugia?", semplice: NOI.
Ad ogni frase fatta inserita nel nostro database scatterà la scossa: le varie "sei carina con quel vestito", "l’importante è la salute", "è quello che hai dentro che mi interessa", "l’onestà paga", "l’importante è partecipare", "i soldi non fanno la felicità" il soggetto verrà colpito con tempestività da 5000w di corrente.

Faremo tutto questo per avere un mondo migliore, perchè a noi tu interessi.

*BZZZZ*

Comments are closed.