La regola 34

C’era un film stupido alla fine degli anni ’90, C’è posta per te, una delle 600.000 “commedie romantiche” di Meg Ryan dove però, quella volta, l’ammore-quello-vero scoppiava sul web. Inutile dire che ha causato una valanga di tipe giovani, inesperte e sole a cercare il proprio partner per la vita su internet o, come li cataloga l’ISTAT, “stupri”.

Nel film , quando uno dei protagonisti riceve una mail, viene allertato dal proprio computer con un suono piacevole a cui fa seguito una voce che annuncia “c’è posta per te!”. Che mi è sempre sembrata un’ottima idea, sfortunatamente però poco utilizzata per altre situazioni. Tipo tu stai cercando tranquillamente una cosa su google quando, per uno strano intreccio di parole chiave, capiti su un forum di onanisti che rispettano la Regola 34 di Internet con la loro ossessione per le telegiornaliste. E più specificatamente ti capita di venire assalito dalla visione di una delle creature più disgustose e inutili che un meteorite schiantatosi sulla terra 65,5 milioni di anni fa non ha ancora scrostrato biologicamente via del tutto.

Questa.

E in questo caso, se provvisti del dispositivo che ho in mente, si sentirebbe una voce da speaker della CNN  ripetere quello che allo stesso tempo apparirebbe  lampeggiando sullo schermo:

SEI STATO SCONFITTO DA INTERNET, INSERISCI LA TUA DIGNITA’ PER CONTINUARE

Nei casi più gravi reiterati si udirebbe prima il rumore di una sirena da bombardamento aereo e immediatamente dopo un grosso pugno uscirebbe da dietro lo schermo per colpire in gola i responsabili di questo:

Diventerei ricchissimo, dannate leggi della fisica di questo pianeta.

Comments are closed.