L’isola delle idee che dovevi tenere per te

Quanti punti ha perso Veltroni con ‘sta storia dell’ inasprire le pene contro i pedofili? Si può quantificare? Possiamo farci un grafico,  e metterci un grosso punto rosso, e sotto un asterisco che spiega “Sono felice che nelle ultime 48 ore siano stati finalmente risolti tutti i problemi, i dubbi e misteri di questo paese e ci si possa finalmente concentrare sulla vera spina del fianco che  attanaglia l’italica esistenza : il terzo argomento della serata da talk show notturno.” ?

Tipo:

  • Svolta della difesa al processo di Erba, dov’erano tutti i pedofili d’italia durante l’omicidio?
  • Precarietà, pedofilia: non fanno rima — questo è quello che vogliono farci credere i pedofili.
  • Cosa farà il superpoliziotto De Gennaro con le pile di pedofili che occupano le strade di Napoli e della Campania da oltre un anno ormai? Costruirà una centrale per smaltire i pedofili nonostante le proteste della gente? Li invierà tramite treni in Belgio?

Veltroni ha una risposta a tutto questo, ha scritto un PROGRAMMA e per dimostrare quanto è SERIO lo ha scritto in TIMES NEW ROMAN e non COMIC SANS.

Castrazione chimica si, o paghiamo direttamente dei naziskin per tirare dei calci nell’uretra con stivali a punta di ferro? Pensiamolo, ma pensiamolo in PALATINO.

Tutto questo scervellare da campagna elettorale mi sta sfiancando, non so come faccia Veltroni a resistere. Deve aver richiesto un grosso coraggio intellettuale – e non –  abbandonare delle coperte calde una tiepida mattina di fine Febbraio e prendere una ferma e chiara posizione contro chi stupra bambini, più o meno quello necessario per protestare contro l’olocausto in Israele.

Spero ci sia almeno ancora spazio nel programma per un proposta in cui sottolineare quanto facciano schifo i bagni sui treni — ma che se scappa, scappa eh, che ci puoi fare — sul dislivello di ritmo nel sangue a vantaggio dei negri, sull’illeggibilità calligrafia dei dottori e su chi urla nelle orecchie dei propri cuccioli di dalmata che preferisce i gatti.

Raccogliamo firme! Yo, we can!

Comments are closed.