Tarlo Cavornina

Sono perfettamente d’accordo coi vescovi: i francesi non hanno alcun diritto di criticare il papa. È da tempo, infatti, che so chi dovrebbe esclusivamente farlo: un extra di una commedia soft-porno adolescenziale anni ’80. Ogni volta che il pontefice dice che i preservativi causano l’AIDS, che gli embrioni sono vita e altre cazzate simili,  dovrebbe apparire improvvisamente il quarterback della squadra di football superdotato che, durante la scena di doccia di gruppo, indicherà il papa nudo coniando uno diminutivo che lo perseguiterà per sempre e gli renderà impossibile la vita sociale, poco prima di uscire alla destra dello schermo fra le risate di tutto il liceo. Ecco chi può criticare il Papa.

Comments are closed.