Brunetta non crede ai complotti, e alle verdure che ti fanno crescere

Durante la pessima puntata di “Uomini & Donne” in onda per tutta la settimana, in cui con un colpo di scena inaspettato il tronista Berlu è stato mollato dalla Vero, qualcuna aveva già sospettato che fosse tutto un complotto delle persone non vere e senza i valori della sinistra.

Guardate l’RVM!” continua a ripetere il Berlu da quando è successo “E potrete vedere la mano con la french-terrona del Franciskin!”. Ma Brunetta ha deciso di smettere per un attimo di oliare il Berlu prima della bench-press e di dire le cose come stanno ad entrambe le persone che seguono RepubblicaTV.

“Non sono mai un complottista. Non penso ai complotti, penso al caso, agli eventi, agli accadimenti. Poi chi svolge un ruolo piuttosto che un altro usa questi accadimenti per costruire dei percorsi di antagonismo politico e mediatico.”

Però c’è una cosa in cui crede il Ministro. Come per la tua cugina di 13 anni che è stata appena mollata dal tipo e lo sciamano col pisello infilato in un bambù in onda su Discovery Channel, Brunetta crede al “fatalismo”. O meglio, “la sfiga”.

“La premessa – dice Brunetta – è che siamo sfigati. Durante lo scorso governo Berlusconi abbiamo avuto il G8 a Genova, l’11 settembre… Oggi abbiamo la crisi. Però la stiamo gestendo. Da noi non ci sono banche in crisi, non c’è tensione sociale, o banlieues in rivolta. Nessuno è stato lasciato solo. Altri governi hanno fatto funambolismi. Noi abbiamo tenuto la testa fredda. Insomma, l’approccio minimalista sta funzionando.”

Non fare niente, un altro modo per dire “STIAMO FACENDO TUTTO IL POSSIBILE CONSULTANDO I MIGLIORI ESPERTI MONDIALI IN ECONOMIA PER RISOLVERE LA PIU’ GRAVE CRISI MONDIALE DEGLI ULTIMI 100 ANNI”.

Comments are closed.