La campagna di odio di Repubblica nei miei confronti!

Se sei un giornalista professionista, pagato per lavorare nel secondo quotidiano d’italia — e stai facendo il tuo solito pezzo sui pseudotrend — che genere di domande poni al tuo interlocutore per cercare di capire ciò che fa, evitanto triti luoghi comuni e generalizzazioni? Queste. E quando qualcuno ti rimanda indietro le ridicole categorizzazioni, mi raccomando, togli le virgolette sarcastiche e soprattutto la parte in cui uno dice che è una definizione ridicola. C’è bisogno di una limonata.

Comments are closed.