Uno che caccia demoni in giro per Napoli

Qualche giorno fa è apparso un curioso commento in un vecchio post dedicato ai forum di vampiri “veri” italiani. Il tizio in questione, Reaper a.k.a. Devon Durand, raccontava della sua attività di “cacciatore di demoni” in giro per Napoli con la sua macchina. La cosa era già meravigliosa di suo, ma dopo una breve ricerca su Google ho trovato pure il fantastico annuncio dell’agenzia investigativa di Devon Durand

“Whisper Investigations,rinomata agenzia investigativa che tratta unicamente casi di natura paranormale,offre consulenze gratuite sulla risoluzione di problemi strettamente inerenti alla sfera del paranormale.Si garantisce la privacy del richiedente e sul caso da lui esposto”

Non ho potuto così fare a meno di contattarlo per una intervista.1

Che significa essere “cacciatore di demoni”? È uno di quei lavori dove sei sempre a contatto con gente del cazzo, come l’assistente sociale per bambini molestati o il PR a Milano?

Allora,tutto cominciò circa cinque anni fa,quando dopo aver appreso ciò che potevo fare e soprattutto cosa c’era in giro per il mondo.Sapevo che avendo questo oggetto,io potevo usare la sua “funzione” in qualche modo utile,ma ancora non mi si era presentata l’occasione,fino al 2005,appunto.

All’epoca conobbi una bellissima ragazza di origini cinesi,di cui mi innamorai perdutamente.Passarono alcuni mesi e così conobbi suo nonno,un vecchio maestro di arti marziali in pensione.Tutto trascorreva nel migliore dei modi ed io,non mi facevo minimamente influenzare dalla storia del medaglione,anche se dopo aver letto la pergamena,sapevo cosa sarebbe successo.

Comunque,un bel giorno,anzi,un brutto giorno,io litigai con la mia ragazza,perchè lei doveva tornare al suo paese natio.Ma durante il tragitto per l’aeroporto,la macchina sulla quale viaggiava,venne travolta da un TIR uscito fuori corsia.Morì sul colpo insieme a sua madre.Il padre già non ce l’aveva da piccola.Il camionista invece venne ricoverato in ospedale.In pratica ebbe un arresto cardiaco alla guida e così accadde l’incidente.Dopo alcuni giorni,le salme vennero riportate in Cina,dove le ho seguite per i funerali insieme al nonno della ragazza.Dopo il funerale,mi confessò una cosa che cambiò la mia vita.In pratica,lui e sua nipote,facevano parte di un clan di cacciatori di demoni della Cina sud-orientale e che erano a conoscenza del mio medaglione.C’era un altro gruppo che lo voleva per i suoi scopi,ma evidentemente non sapevano della maledizione

Comunque,io decisi di tornare in Italia,dopo aver passato sei mesi con quest’uomo ad allenarmi e ad imparare tutto sull’arte della caccia. Sapevo che quelli che mi cercavano,un giorno si sarebbero fatti vivi,ma per allora io sarei stato pronto.Ma i fini di quest’uomo erano ben diversi.Dopo un po’ venni a sapere che in realtà sua nipote doveva portarmi dalla sua parte per un’altra cosa.Ma la ragazza non acconsentì e poi ci fu lo sfortunato evento.Veni a sapere,che esisteva si un gruppo di fanatici che volevano il medaglione,ma non avevano nulla a che vedere con il nonno della ragazza.Questi,in realtà,buttò l’esca (sua nipote) per attirarmi verso di lui.Sapendo che non poteva uccidermi,avrebbe fatto in modo che sarei stato dalla sua parte.La sua arma,il suo “Danny the Dog”,per così dire.Ma ho scoperto tutto e venni a sapere che aveva già dei piani per me.Io lo abbandonai e lo lasciai così.Morì circa due mesi dopo il nostro ultimo incontro.

E dopo tutta questa extended trilogy che è successo?

Dopo essere tornato in Italia mi presi un periodo di riflessione e dopo aver fatto un paio di ragionamenti e dopo aver visto certe cose,decisi che avrei potuto usare ciò che avevo imparato e soprattutto usare il mio potere per fare qualcosa di buono.Allora decisi di fondare la Whisper Investigations,un’agenzia investigativa che assomiglia più ad una mescola tra Angel e Supernatural.In fin dei conti lavoro a Napoli,la Los Angeles italiana,come il vampiro Angel a Los Angeles,appunto.Mi muovo su un catorcio di macchina con il mio migliore amico,nonchè mio socio,come i fratelli Winchester (anche se la loro auto è mooooolto meglio della mia…molto meglio…).In linea di massima,questi sono stati gli inizi della mia “carriera”,se così la si può definire,di cacciatore del sovrannaturale.

Come hai iniziato la tua attività investigativa? È necessaria una licenza ufficiale o basta guardare FOX Retro su SKY?

Ho cominciato cinque anni fa.Ovviamente dovevo tenere (e devo ancora tenere) la cosa segreta ad amici e parenti.Quindi continuai con la mia solita vita e usando il mio solito vero nome (che però non posso rivelare per ovvie ragioni),mentre usavo un secondo nome per farmi conoscere nell’ambito del paranormale,pubblicando annunci su internet senza richieste di registrazioni o altro,in modo che nessuno potesse mai trovarmi (cosa che continua tutt’ora).Da quel giorno adottai il nome di Devon Durand,cacciatore del sovrannaturale originario di Los Angeles,trasferitosi in Italia per aprire la fittizia Whisper Investigations.Non ho un vero e proprio ufficio fisso.Quello che ho è più un ufficio mobile.La mia auto.

Di casi in cinque anni ne ho risolti nove.Come si può capire non è un tipo di cose che succedono di frequente e quindi sono poci i casi.Ad ogni modo,per fare un esempio,circa quattro mesi fa,mi sono occupato di un caso di infestazione di un casa.C’era un poltergeist molto incazzato.In pratica in quella casa vi era morto un neonato mai battezzato,che dopo dieci anni dalla morte è passato allo stadio successivo,cioè da spettro a poltergeist.Ho dovuto applicare varie trappole di sale e ferro puro e dopo l’ho rispedito ai piani alti (o bassi) con un potente incantesimo di Morgana,una mia affiliata di Torino.Una strega bianca che conosce un bel pò di formule e rituali per esorcizzare e roba del genere.

Tremonti ha detto che la crisi è un videogioco con 3 mostri da sconfiggere, tu quanti ne hai sconfitti? Si sente la crisi nel settore dei demoni?

Purtroppo questo lavoro va a rilento per gente poco seria,che cerca un pò di notorietà e cerca di uscire dal “tram tram” della vita moderna.Ma non capiscono che così rubano tempo prezioso a gente bisognosa di aiuto…e soprattutto lo rubano anche a me!

Non ho mai voluto nulla in cambio un pò per le possibili ripercussioni legali e poi,perchè ho incontrato gente che si era già fatta abbindolare da maghi,cartomanti e stronzi simili.Una donna aveva un probloema con il marito,che poi ho scoperto essere indemoniato.In un anno,aveva buttato più di ventimila euro in mano a dei coglioni.Io in una settimana gli ho risolto il problema liberando suo marito e non facendole spendere un centesimo.Purtroppo è un brutto mondo,in cui c’è gente che si approfitta delle disgrazie altrui.Un mondo in cui non c’è più il senso di colpa…e non posso accettare una cosa del genere

Qual è la storia di questo famoso “medaglione” ?

Tanto per cominciare,venne creato nella seconda metà del settecento,da un orafo negromante,che di tanto intanto trattava anche l’alchimia.Era un orafo toscano,che visse in un castello da solo,con centinaia di cadaveri da usare per i suoi esperimenti.Questi aveva un grande avversario,che è anche un personaggio molto famoso,cio+ il conte di Cagliostro,che come ci narrano i testi venne condannato per eresia ed imprigionato dal Vaticano.Comunque erano avversari.L’orafo,che cercava la vita eterna…Cagliostro che cercava la pietra filosofale…insomma,un intreccio peggio di Beautiful.

In verità questa storia è stata ripresa nella seconda metà del novecento da un grande scrittore,cioè Giuseppe D’Agata,il quale scrisse anche un libro.Io stesso devo parlare con lui per questo motivo.Nel 1971,poi,in collaborazione con Michele D’anza ed altre due persone,diede vita ad uno sceneggiato ispirato alla storia del medaglione.Venne trasmesso in cinque puntate sul primo canale della RAI con uno share di oltre 15 milioni di spettatori a puntata.Quello sceneggiato è “Il Segno Del Comando”.Un classico noire del cinema italiano,con interpreti del calibro di Ugo Pagliai.In pratica,D’Agata curò lo sceneggiato riprendendolo dalla base del suo libro omonimo.Ma la storia è molto diversa sia dal libro che dallo sceneggiato.Se vuoi sapere altro,basta che digiti il nome dell’opera e troverai tutto quello che vuoi.Su come ne sono entrato in possesso,beh,in realtà non me lo ricordo molto bene.Successe ben dodici anni fa,anche se all’epoca non potevo capire certe cose e così ne presi coscienza solo cinque anni fa,come ti ho raccontato prima.Questo oggetto e la pergamena (che venne però distrutta due anni fa) era in possesso di un anziano signore,che lo diede alla mia bisnonna.Trovai i due oggetti,tra i suoi effetti personali.E indovina a che età morì?

Comunque non dissi nulla e rimasi la cosa segreta.

A parte aiutare le persone che non conosci cosa sei riuscito a fare col medaglione? Pensi che sia stata una fortuna o una sfortuna entrarne in possesso?

Con il medaglione non ho fatto altro,nella vita.Più che altro l’ho usato come base delle mie ricerche per fermare la maledizione.

Se devo dirti la verità,tutt’oggi non sono ancora in grado di risponderti se sia stata una fortuna o una sfortuna.

Ci sono troppi pro e contro…

Ci sono molti altri “cacciatori” come te in giro per Napoli?

Il lavoro di cacciatori è come far parte di un ordine di antichi cavalieri,a cui spetta posto solo ad una piccola cerchia.In verità,oltre a me,il mio socio dall’inizio e ad altre tre persone (una era la mia ragazza motra,uno il mio primo socio che mi ha tradito e l’altro il terzo socio,che era stanco di questa vita e così ha lasciato quattro anni fa),non ho mai incontrato altre persone del genere.

Ora siamo solo in due,ma se le cose fossero andate meglio,a quest’ora saremmo potuti essere in cinque.

Purtroppo la realtà è crudele…

Ti ha tradito?

Voleva il medaglione. Era una questione di invidia,la peggiore di tutte le bestie. L’ultima volta lo vidi mentre veniva travolto da una macchina mentre cercava di scappare.Da allora non lo vidi più. Se è morto non lo so e onestamente non me ne importa più nulla.

Era il mio migliore amico, ma una cosa del genere non posso perdonarla.Sono uno che segue il codice d’onore,io. Tipo i Predator…

  1. Tutte le risposte sono state lasciate assolutamente al naturale, per non compromettere la comprensione del testo []

Comments are closed.